COSA SIGNIFICANO GLI ESAMI DEL SANGUE

EMOCROMOCITOMETRICO

COSA VERIFICA

COSA SIGNIFICA

Numero dei globuli rossi

Quantità di globuli rossi presenti in un mmc. di sangue.

Valori normali: tra 4 e 6 milioni

Volume corpuscolare medio (MCV)

Rappresenta il volume corpuscolare medio del globulo rosso. E' particolarmente utile per classificare le anemie da ridotta produzione di globuli rossi.

Valori normali: 83-93 microncubo

Contenuto emoglobinico

Corpuscolare media (MCH)

E' il contenuto medio di emoglobina per globulo rosso. Valori fuori norma di MCH sono indice di alterazioni di forma del globulo rosso caratteristiche di alcune patologie ematiche.

Valori normali: 28-34 picogrammi

Concentrazione emoglobinica

Corpuscolare media (MCHC)

E' la concentrazione media di emoglobina nei globuli rossi.

Valori fuori norma di MCHC sono indice di alcune patologie ematiche.

Valori normali: 32-36 g/dL

Concentrazione dell'Hb (emoglobina)

Nei globuli rossi

E' la quantità di emoglobina contenuta in ogni globulo. Una bassa concentrazione di emoglobina denota un'anemia che può riconoscere diverse cause fra cui frequentemente una carenza di ferro.

Valori normali:

Donne: 12-16 g/dL

Uomini: 14-18 g/dL

Valore ematocrito

E' il volume dei globuli rossi in rapporto al volume del sangue. Si esprime in percentuale. Può evidenziare stati patologici diversi (es. Anemia se diminuito, Policitemia se aumentato).

Valori normali:

Donne: 36-47%

Uomini: 40-52%

Numero dei globuli bianchi

Formula Leucocitaria

Comprende l'insieme di tutti i globuli bianchi e la distribuzione percentuale dei diversi tipi (Granulociti/Linfociti/Monociti).

Una variazione del numero dei globuli bianchi può qualche volta indicare l'insorgere di complicazioni serie (es. leucemie, infezioni, allergie).

Valori normali: 4.000-8.000/millimetrocubo

SIDEREMIA E FERRETINA SIERICA

COSA VERIFICA

COSA SIGNIFICA

Quantità di ferro circolante

e di deposito

Danno informazioni su patologie ematiche, di malassorbimento, epatiche, infettive e neoplastiche.

GLICEMIA

COSA VERIFICA

COSA SIGNIFICA

Quantità di glucosio disciolto

E' il contenuto riferito a 100 cc di sangue, di glucosio, zucchero fondamentale per il metabolismo cellulare.

Quando supera la norma può indicare uno stato diabetico, cioè una difficoltà di utilizzo del glucosio da parte delle cellule.

Valori normali: 70-110 mg/dL

AZOTEMIA

COSA VERIFICA

COSA SIGNIFICA

Quantità di composti azotati

Ci sono sostanze chimiche che contengono azoto proteico ed altre non proteico. Queste ultime sono i numerosi prodotti che alla fine dei processi metabolici vengono eliminati dal sangue attraverso i reni. L'acc mulo di queste sostanze nel sangue è di solito indice di una funzione renale compromessa.

Valori normali: 10-50 mg/dL

CREATININA SIERICA

COSA VERIFICA

COSA SIGNIFICA

Funzionalità renale

E' una sotanza che, prodotta dai processi matabolici che avvengono all'interno del nostro organismo, viene eliminata per via renale. Un aumento è indice di un'insufficienza renale.

Valori normali: 0,8-1,3 mg/dL

PROTIDEMIA

COSA VERIFICA

COSA SIGNIFICA

Quantità delle proteine del plasma

(Albumine-Globuline-Anticorpi-Enzimi)

Le proteine sono le componenti fondamentali di moltissime funzioni organiche. L'alterazione del loro contenuto nel siero può essere il sintomo di diverse disfunzioni (epatiche, nutrizionali, renali).

Valori nornali: 66-83 g/L

V.E.S.

COSA VERIFICA

COSA SIGNIFICA

Velocità di "eritrosedimentazione"

E' la velocità con la quale i globuli rossi si depositano nel proprio plasma. Una velocità superiore alla norma è indice aspecifico di numerose affezioni e che deve essere interpretato nel contesto clinico.

Valori normali: inferiori a 15-20 mm.

TRANSAMINASI S.G.P.T. o A.L.T. (Alanina-Amino-Transferasi)

COSA VERIFICA

COSA SIGNIFICA

Dosaggio delle Transaminasi

Quando una cellula soffre o muore, le transaminasi (sono degli enzimi) che essa contiene si riversano nel circolo sanguigno. Se la quantità delle transaminasi presente nel sangue supera i limiti fisiolo ici vuol dire che c'è una degradazione cellulare non normale e che quindi esiste una condizione patologica. Ad esempio a carico del fegato, dei muscoli, del cuore.

URINE

COSA VERIFICA

COSA SIGNIFICA

Qualità delle urine

Dimostra la funzionalità di reni, eventuali stati infiammatori delle vie urinarie, calcolosi o formazioni tumorali ma anche diabete, gotta e malattie epatiche.

E.C.G. - Elettrocardiogramma

COSA VERIFICA

COSA SIGNIFICA

Condizione del cuore e delle coronarie

Evidenzia eventuali alterazioni di funzionalità cardiache.

COLESTEROLO

COSA VERIFICA

COSA SIGNIFICA

Dosaggio di colesterolo endogeno ed esogeno

Un aumento del colesterolo è fattore di rischio per la comparsa di malattie cardio-vascolari.

Valori normali: minori di 200 mg/dL

TRIGLICERIDI

COSA VERIFICA

COSA SIGNIFICA

Quantità di acidi grassi

Un aumento di trigliceridi è fattore di rischio per la comparsa di malattie cardio-vascolari e pancreatiti.

Valori normali: 70-170 mg/dL

ESAMI SIEROLOGICI

COSA VERIFICA

COSA SIGNIFICA

HBsAg (antigene AU)

E' la sigla che indica l'antigene del virus dell'epatite B. la sua positività indica la presenza del virus nel sangue e la sua infettività.

HCV Ab

E' la sigla che indica l'anticorpo del virus dell'epatite C. la sua positività indica l'avvenuto contatto col virus e una presenza in circolo del virus stesso.

HIV Ab

Il virus dell'immunodeficienza umana è l'agente responsabile della sindrome da immunodeficienza acquisita (A.I.D.S.).

Dopo un periodo che va da alcune settimane ad alcuni mesi dal contagio compaiono gli anticorpi.

Controllo sierologico della Lue

(VDRL/TPHA)

E' il controllo che accerta la presenza degli anticorpi antitreponemici (TREPONEMA = agente responsabile della Lue o sifilide).

Possono evidenziare una malattia in atto, o già risolta.